Business Divisions

Newsletter

Iscrizione alla newsletter

Chi Siamo

Accreditamenti »
Legge di Bilancio 2019: novità per le imprese
Wednesday, 21 November 2018 16:49
There are no translations available.

Siamo ormai vicini alla definitiva approvazione entro l’anno della Legge di Bilancio 2019, contenente numerose misure che riguardano le imprese italiane:

  • flat tax;
  • IRES sugli utili reinvestiti;
  • proroga dell’Iper ammortamento;
  • voucher per gli Innovation Manager nelle PMI;
  • abrogazione IRI e ACE;
  • rifinanziamento nuova Sabatini;
  • istituzione di un Fondo per le nuove Tecnologie;
  • proroga incentivo occupazione Mezzogiorno;
  • ampliamento della misura Resto al Sud.


Vediamo brevemente le novità principali in tema di incentivi finanziari per gli investimenti.

Bonus Ricerca & Sviluppo

È prevista la rimodulazione del credito d’imposta per le attività di Ricerca e Sviluppo:

 

  • modifica dell’entità del credito fruibile in relazione alla tipologia di investimenti ammissibili sostenuti;
  • ampliamento dell’ambito applicativo oggettivo della disciplina agevolativa in termini di investimenti ammissibili;
  • modifica degli obblighi documentali.


Per maggiori approfondimenti sulla misura, clicca qui.

 

Iper ammortamento

Viene prorogato al 2019 l’Iper ammortamento, con determinazione di nuove aliquote che diventano:

  • 150% per investimenti fino a 2,5 milioni di euro;
  • 100% fra 2,5 e 10 milioni di euro;
  • 50% fra 10 e 20 milioni di euro.


Per maggiori approfondimenti, visita la nostra news.

 

Voucher Innovation Manager

Si annuncia una nuova misura di finanziamento per l’innovazione: i voucher per gli Innovation Manager, consistenti in un contributo a fondo perduto destinato alle PMI per consulenze tecnologiche.

Lo scopo è sostenere i processi di trasformazione tecnologica e digitale attraverso le tecnologie abilitanti previste dal Piano Nazionale Impresa 4.0 e di ammodernamento degli assetti gestionali e organizzativi dell’impresa, compreso l’accesso ai mercati finanziari e dei capitali.

Il voucher potrà avere un importo massimo di 40.000 euro e potrà coprire fino al 50% delle spese sostenute per avvalersi della consulenza di un esperto. Quest’ultimo, l’Innovation Manager, dovrà essere iscritto in un elenco predisposto dal Ministero dello Sviluppo Economico, di prossima istituzione.

 

Blockchain, Intelligenza Artificiale e IoT

È prevista l’istituzione di un fondo per interventi volti a favorire lo sviluppo delle tecnologie e delle applicazioni di Intelligenza Artificiale, Blockchain e Internet of Things, con una dotazione di 15 milioni di euro per ciascuno degli anni 2019, 2020 e 2021.

Il Fondo è destinato a finanziare:

a) progetti di ricerca e innovazione da realizzare in Italia ad opera di soggetti pubblici e privati, anche esteri, nelle aree strategiche per lo sviluppo dell’Intelligenza Artificiale, della Blockchain e dell’Internet of Things, funzionali alla competitività del Paese;

b) sfide competitive per il raggiungimento di specifici obiettivi tecnologici e applicativi;

c) il supporto operativo ed amministrativo alla realizzazione di quanto previsto alle lettere a) e b), al fine di valorizzarne i risultati e favorire il loro trasferimento verso il sistema economico produttivo, con particolare attenzione alle piccole e medie imprese.

Si prospetta, dunque, il lancio di misure di finanziamento mirate su tali linee tecnologiche.

 

Nuova Sabatini

È previsto un nuovo importante stanziamento per la Nuova Sabatini, la misura per il finanziamento agevolato di nuovi macchinari acquistati dalle PMI, con 48 milioni di euro per il 2019, 96 milioni di euro dal 2020 al 2023, 48 milioni di euro per il 2024.

Quindi, sarà ancora possibile accedere a questo interessante incentivo. Per maggiori approfondimenti su questa misura, leggi qui.

 

Resto al Sud

È previsto l’ampliamento della platea dei destinatari e l’innalzamento dell’età per l’incentivo Resto al Sud, gestito da Invitalia per favorire la nascita di nuove imprese nel Mezzogiorno. I finanziamenti potranno essere richiesti anche dai liberi professionisti e dagli under 46 (attualmente il limite è di 36 anni).

La misura finanzia il lancio di nuove imprese nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, con una copertura del 100% delle spese: 35% di fondo perduto e 65% di finanziamento bancario garantito dal Fondo di garanzia per le PMI e coperto, per gli interessi, da un altro contributo.

 

Contratti di sviluppo

Viene rifinanziato lo strumento dei contratti di sviluppo, strumento fondamentale per la realizzazione di grandi investimenti industriali (incluso agroindustria) e turistici, oltre che per interventi per la tutela ambientale e il risparmio energetico.

Il costo della misura è di 5 milioni di euro per l’anno 2019 e di 75 milioni di euro per ciascuno degli anni 2020 e 2021.

 

Credito d’imposta formazione 4.0

Apparentemente la misura relativa al credito d’imposta formazione 4.0 non verrà rifinanziata. Non sarà più possibile, pertanto, per le imprese ottenere il credito d’imposta del 40% precedentemente concesso sul costo del personale dipendente impiegato nelle attività di formazione in ambito Industry 4.0.

Si resta, dunque, in attesa dell’approvazione della bozza di legge che avverrà entro fine anno.

Per restare aggiornato e per avere maggiori approfondimenti sulle singole misure, contattaci: otterrai risposte rapide e qualificate.