Divisioni Aziendali

Newsletter

Iscrizione alla newsletter

Chi Siamo

Accreditamenti »
In arrivo nuovi incentivi per le PMI in Veneto: bandi per 22,5 milioni di euro
Lunedì 03 Luglio 2017 15:37

La Regione Veneto ha avviato due nuove linee di finanziamento per le PMI, con fondi POR FESR 2014-2020. Nello specifico, è stato approvato dalla giunta veneta un bando con una dotazione di 12 milioni di euro (azione 4.2.1). L'obiettivo è incentivare le imprese affinché possano raggiungere uno di questi obiettivi:

  • utilizzare in maniera efficiente le risorse;
  • valorizzare le fonti rinnovabili;
  • contenere la spesa energetica, l’inquinamento e le emissioni in atmosfera.

Un secondo bando stanzia 10,5 milioni di euro per la selezione di progetti di ricerca e sviluppo (azione 1.1.4 - azione 3.3.1).

In particolare, il bando relativo alle azioni 1.1.4 - 3.3.1 intende sostenere ed incentivare la collaborazione e l’aggregazione tra imprese e soggetti della ricerca. Il fine è quello di:

  • promuovere, mediante forme aggregative, la tutela, la valorizzazione, lo sviluppo e la diffusione della ricerca applicata al sistema produttivo;
  • sostenere il riposizionamento competitivo delle imprese, la capacità di adattamento al mercato e l’attrattività per potenziali investitori.

Le risorse messe a disposizione dalla Regione ammontano a €10.500.000,00 di cui €7.000.000,00 per le "Attività collaborative di R&S” (azione 1.1.4) ed € 3.500.000,00 per il “Riposizionamento competitivo” (azione 3.3.1).

La domanda di sostegno può riguardare una sola tra le seguenti azioni di cui al POR FESR 2014-2020.

Le Attività collaborative di R&S (azione 1.1.4)

Esse fanno riferimento allo sviluppo di nuovi prodotti e servizi; di tecnologie innovative sostenibili, efficienti ed inclusive per introdurre nei sistemi produttivi prodotti e impianti “intelligenti”; dispositivi avanzati, di virtual prototyping e servizi ad alta intensità di conoscenza (KIBS), per le quali è ammissibile un intervento progettuale. Il progetto deve comprendere attività rientranti nei seguenti ambiti:

  • ricerca industriale: ricerca pianificata o indagini critiche mirate ad acquisire nuove conoscenze e capacità. Queste devono essere impiegate per sviluppare nuovi prodotti, processi o servizi od apportare un notevole miglioramento dei prodotti, processi o servizi esistenti. Ad esempio: la costruzione di prototipi in ambiente di laboratorio o in un ambiente dotato di interfacce di simulazione verso sistemi esistenti e la realizzazione di linee pilota;
  • sviluppo sperimentale: l'acquisizione, la combinazione, la strutturazione e l'utilizzo delle conoscenze e capacità esistenti di natura scientifica, tecnologica, commerciale e di altro tipo. Lo scopo è di sviluppare prodotti, processi o servizi nuovi o migliorati. Ad esempio: la costruzione di prototipi; la realizzazione di prodotti pilota; test e convalida di prodotti, processi o servizi nuovi o migliorati, effettuate in un ambiente che riproduce le condizioni operative reali.

Il Riposizionamento competitivo (Azione 3.3.1)

Riguarda l’incremento degli investimenti nei processi di innovazione finalizzati ad elevare il contenuto tecnologico dei prodotti e dei cicli di produzione, distribuzione e gestione (riposizionamento competitivo), per il quale è ammissibile un intervento progettuale che comprende attività rientranti nell’ambito di innovazione di processo.
Sono ammissibili le spese imputate a progetto relative a:

  • conoscenza e brevetti;
  • strumenti e attrezzature;
  • consulenze specialistiche e servizi esterni di carattere tecnico-scientifico e di business;
  • personale dipendente;
  • spese per la realizzazione di un prototipo;
  • spese generali(pari al 10% del peronale);
  • spese per garanzie.

I massimali di spesa relativi a progetto variano a seconda dell’azione POR FESR scelta:

  • min € 60.000 e max € 500.000 per i progetti Ricerca industrialeSviluppo sperimentale dell’azione 1.1.4;
  • min € 60.000 e max € 500.000 per progetti Innovazione di processo dell’azione 3.3.1.

L’intensità del sostegno varia in base all’azione e alla classificazione dimensionale delle imprese componenti. Potrà arrivare ad un massimo del 50%.

La domanda potrà essere presentata a partire dalle ore 15.00 del giorno 22 giugno 2017, fino alle ore 17.00 del 20 luglio 2017.

Per avere ulteriori informazioni contattaci!