Divisioni Aziendali

Newsletter

Iscrizione alla newsletter

Chi Siamo

Accreditamenti »
La Human Augmentation - Industry 4.0
Martedì 13 Marzo 2018 09:38

 

 

Ai margini della rivoluzione 4.0 ci sono alcune tecnologie che non sono inserite nelle tecnologie abilitanti del piano Industria 4.0. Ciononostante rappresentano dei trend di sviluppo interessanti e complementari a quelli individuati nel piano dal Ministero dello Sviluppo Economico.

La human augmentation è una di queste.


Cos’è la human augmentation


A metà tra la robotica e la realtà aumentata, la Human Augmentation (definita anche human enhancement o potenziamento umano) si riferisce alla possibilità di creare strumenti per migliorare le prestazioni di un corpo umano a livello fisico o cognitivo. La realtà aumentata è un esempio di un amento delle possibilità cognitive umane attraverso l’introduzione di un layer di informazioni su quanto l’utente vede (es. informazioni sul funzionamento di una macchina).

Gli esoscheletri sono quanto di più moderno si sta sperimentando per aumentare le prestazioni fisiche di un essere umano all’interno di un contesto produttivo industriale. Gli esoscheletri sono esempi di robotica indossabile che permettono di potenziare le prestazioni umane in termine di resistenza allo sforzo, forza espressa o ergonomia.


Gli elementi fondanti


Gli elementi fondanti della tecnologia sono:

- una struttura meccanica, ergonomica, adatta ad essere indossata e connessa, attraverso fasce, guanti e altri connettori, al corpo dell’operatore;

- una serie di motori elettrici in grado di controllare i movimenti della struttura e agevolare o assistere i movimenti dell’operatore;

- una serie di sensori, disposti sulla struttura in grado registrare i movimenti e trasmetterli ad un’intelligenza che li interpreta e che fa reagire la struttura.


Le prime applicazioni della human augmentation


Le prime applicazioni della tecnologia sono state nell’ambito riabilitativo, dove una complessa architettura vestibile permette, ad esempio, di compensare la mancanza di forza degli arti inferiori dei pazienti, conferendo stabilità alla camminata.

Alcune aziende italiane attive nell’ambito della robotica per il settore powertrain, stanno investendo per portare quanto prima esoscheletri robotici a supporto di operatori umani all’interno degli impianti di produzione migliorando l’ergonomia e le condizioni di lavoro degli operatori e aumentandone, al contempo, la produttività.

Per ulteriori approfondimenti, non esitare a contattarci!